Cimice di Majakovskij

Il progetto ad Astrakhan

A seguito del grande successo romano nel 2015 a celebrazione dell’anno della Letteratura in Russia svoltosi per rendere omaggio ai maestri russi che hanno fatto conoscere questo paese al mondo, la Fondazione Internazionale Accademia Arco intende portare l’iniziativa anche nella cittá di Astrakhan, Russia. Il progetto culturale, inerente arte, teatro e letteratura, patrocinato dal Ministero dei Beni, delle Attività Culturali e del Turismo e dell’Ambasciata della Federazione Russa nella Repubblica Italiana, è interamente dedicato a Vladimir Majakovskij e alle sue opere, che hanno saputo regalare alla cultura mondiale nei primi decenni del nostro secolo poesie famosissime o ancora sconosciute e saggi di estetica sorprendentemente attuali e preveggenti nella capacità di intuire lo sviluppo potenziale di alcune forme artistiche, quali il cinema e il teatro sperimentale che ci restituiscono un uomo d’arte che nessuna etichetta sarà mai in grado di definire.
Il Teatro del dramma di Astrakhan ospiterà l’evento organizzato in collaborazione con il  Museo di Stato Teatrale A. A. Bakhrushin e il Museo Statale della Letteratura di Mosca che metteranno a disposizione la loro collezione di foto, manifesti, bozzetti e filmati inerenti il grande scrittore russo.
Alle ore 21:00 in scena sul palco del Teatro la rappresentazione poetico-musicale Il Flauto di Vertebre su poesie e lettere di Vladimir Majakovskij. Con Mariia Matveeva, Dmitri Vissotskij e con la partecipazione straordinaria di Venjamin Smekhov. Scenografia e disegno luci di Vlad Frolov. Regia di Galina Aksenova.
Per l’editoria verrà presentata la nuova edizione trilingue del volume della piéce teatrale La cimice edito da Gangemi Editore con illustrazioni di Franco Staino in collaborazione con il Museo Statale della Letteratura di Mosca.